DA SPOSA A SPOSA

DA SPOSO A SPOSO

Fotografo: Alessandro Baglioni – Testo: Vanessa Bellan
Cerimonia: pieve di Santa Maria, Campagnatico – Grosseto – Ricevimento: Castello di Colle Massari – Cinigiano – Grosseto

Credo che alla fine del proprio matrimonio, gli sposi, prima di concludere la loro giornata, dovrebbero scrivere una lettera. Una lettera a quattro mani, indirizzata a tutti coloro che si sposeranno in futuro. Qualcosa del tipo:

“A te futura sposa, che come me ti guarderai per la prima volta allo specchio con il tuo abito e sarai contesa dalla luce fuori e dalle ombre della stanza in cui ti troverai e resterai qualche minuto da sola senza dire una parola, perché l’emozione ti renderà difficile respirare.

A te futuro sposo, che come me avrai persone che ti ripeteranno continuamente quanto stai bene ma che comunque non puoi competere con la bellezza che emana lei oggi e soltanto allora capirai veramente cos’è l’impazienza e la curiosità.

A voi due futuri sposi, che come noi vi vedrete lungo la navata e sarete impacciati come al primo appuntamento, non saprete come salutarvi e, una volta l’uno accanto all’altra, diventerete complici come due compagni di scuola che seduti allo stesso banco, si guardano di nascosto da tutti gli altri per darsi coraggio a vicenda.

A voi amiche della sposa che sarete le prime a piangere insieme ai genitori degli sposi e a voi amici dello sposo che sarete i primi a dar via alla festa con una battuta perfetta e sopra le righe.

A chiunque ci sarà quel giorno e tornerà a casa un po’ più leggero, perché l’amore, grazie al cielo, è una malattia contagiosa e starne tante ore a stretto contatto con chi ne è affetto ti permette di tornare a credere che si è davvero fortunati di esistere.

A tutti i fidanzati che sognano di sposarsi… sarete anche voi, nel vostro giorno speciale, la cura non prescritta per il disincanto moderno. Riuscirete a trasmettere, anche al più cinico degli invitati, la voglia di festeggiare il proprio “per sempre”.

Esiste una politica strana, chiamata la “politica del sorriso”, che afferma che se sorridi di cuore, chi ti sta accanto, ad un certo punto, si troverà a sorridere a sua volta, come per magia.

Ecco, sono convinta che esiste anche la “politica del matrimonio” che porta, chi partecipa a questo evento, ad immaginarsi pieno di gioia nel dire “Si, voglio amarti per sempre”.

Grazie a Francesco e Silvia che con i loro scatti mi hanno ricordato che i matrimoni risvegliano in ogni persona la voglia di essere una sposa e uno sposo.

FROM BRIDE TO BRIDE

FROM GROOM TO GROOM

Wedding photographer: Alessandro Baglioni – Story teller: Vanessa Bellan
Ceremony: pieve di Santa Maria, Campagnatico – Grosseto – Reception: Castello di Colle Massari – Cinigiano – Grosseto

I believe that at the conclusion of one’s own wedding, just before the end of the special day, the bride and groom should write a letter. A letter written using four hands, addressed to all of those who will marry in the future. Something that goes a little like this:

“To you, future bride, who just like me will see yourself in the mirror for the first time with your wedding dress on. As you stand amidst the glow of the light outside and the shadows in the room in which you find yourself, you will spend a few minutes alone, speechless, because the excitement of the moment will make it difficult to breathe.

To you future groom, who just like me will have people surrounding you who continuously repeat how great you look, but that you cannot even come close to competing with the beauty that your bride emanates today. Only at that moment will you truly understand the meaning of impatience and curiosity.

To you both, future bride and groom, who just like us, can see yourselves walking down the aisle. Know that you will feel as clumsily awkward as you did on your first date, you will not know how to greet each other and once you are standing beside each other, you will become accomplices like two schoolmates seated at the same desk, stealing glances at one another to feel stronger and more courageous.  

To the bridesmaids who will be the first to cry with the couple’s parents and to the groomsmen who will be the first to start the party with a perfect, over the top joke.

To anyone who will be there on that day and who will return home a little lighter, because love, thank heavens, is a contagious disease and if you spend many hours in close contact with someone who has been infected, you will find yourself believing once again that we are truly fortunate to exist. 

To all of the engaged couples who dream of one day being married…you will be, as well, on your special day, the un-prescribed cure for modern disillusionment. You will be able to convey, even to the most cynical of your wedding guests, the desire to celebrate his/her own “forever”.

A strange policy exists, called “the smile effect”, which affirms that if you smile with your heart, anyone around you, at a certain point, will suddenly find himself smiling as if by magic.

You see, I am convinced that the “wedding effect” exists, as well,  and that it leads all who participate in this event to imagine themselves filled with joy in saying ‘Yes, I want to love you forever’.”

Thank you to Francesco and Silvia who through their photographs reminded me that marriage awakens everyone’s desire to be a bride and a groom.

[wysija_form id=”1″]

Copyright 2016 © Alessandro Baglioni - AB World Studio - Via Aurelia Nord 219, Grosseto - Tel. +39 335 332889 - P.Iva 01062790538