GLI SGUARDI RARI – MARIO E LISA

COME UN TESORO

Fotografo: Alessandro Baglioni; aiuto fotografo Giada Bagni – hair styling e make up: Frank Giacone
Cerimonia e ricevimento: Antica Fattoria La Parrina, Albinia – Grosseto

Erano le prime ore di un caldo pomeriggio di fine agosto quando arrivai alla Parrina, la location che Mario e Lisa avevano scelto per il loro matrimonio. Mi sono fatto accompagnare in giro dagli sposi per un sopralluogo. Anche se ben conoscevo quella location, è un buon espediente da fotografo di matrimonio per instaurare un feeling con i miei protagonisti e rendere la mia presenza familiare nel resto della giornata. Più che per conoscere la location, mi serve per capire chi ho davanti, per trovare l’ispirazione che mi darà la possibilità di raccontare le loro emozioni.

Guardandoli, ho iniziato a credere che Madre Natura ci abbia fatto dono di tre o quattro linee degli occhi che usiamo solo quel giorno, quello in cui decidiamo di legarci ad un altro individuo per sempre. Scattando le foto a Lisa mentre si stava truccando, ho pensato che tutti quei gesti, con molta probabilità, li avrebbe fatti anche il giorno dopo ma… non con il solito sguardo. Come se certe forme che diamo ai contorni dei nostri occhi fossero così preziose da usarle solo nei momenti importanti della nostra vita. Questa è l’idea degli “Sguardi Rari”, quelli che hai la fortuna di vedere negli altri, e di avere sul tuo viso, nelle occasioni speciali.

Forse è proprio per questo che bisogna tenere molto alle fotografie dei nostri momenti importanti. Servono per ricordare quel giorno e soprattutto per rivedere gli “sguardi rari”, quelli nostri e delle persone che amiamo. Quegli sguardi che rischiamo di perderci perché le nostre emozioni, in quel momento, ci abbagliano la vista con la loro intensità.

Andando avanti con la cerimonia, mi sono reso conto che anche la bocca e i movimenti delle mani seguono la stessa sorte. Mi è sembrato di scattare foto a sorrisi mai fatti e a mani che non si erano mai strette. Tutto sembrava portare la firma di una prima volta. Come se alcune parti del nostro corpo percepiscano più di altre che è il giorno di un nuovo inizio; anzi, sembra quasi che aspettassero quel giorno e si fossero preparate. Mi è passata per la testa l’immagine del “vestito della Domenica”, l’abito o il completo che i nostri nonni indossavano soltanto nell’unico giorno di festa settimanale.

Ecco, questi sono i momenti nei quali i nostri occhi, la nostra bocca e le nostre mani si vestono a festa e comunicano tutta la loro gioia per poi riporre tutto nei loro armadi, tra le ciglia, nell’interno del labbro inferiore, lungo la linea della vita, per aspettare il momento giusto per riuscire fuori.

Siamo abituati ogni giorno a sperperare la bellezza… forse siamo “programmati” all’inverso ed il nostro corpo ha capito che la bellezza va vissuta in maniera ponderata e che la rarità di certe cose rende ciò che è già bello, molto più bello.

Grazie a Mario e Lisa per i loro sguardi rari.

THE RARE EXPRESSIONS

LIKE A TREASURE

Wedding Photographer: Alessandro Baglioni; Assistant: Giada Bagni – hair styling and make up: Frank Giacone
Ceremony and reception: Antica Fattoria La Parrina, Albinia – Grosseto

It was the early hours of a hot afternoon when I arrived at Parrina, the location which Mario and Lisa had chosen for their wedding ceromony.

I had the newly weds give me a tour, not only so I could have a look at the venue, even if I already knew the location because it is a desirable place for wedding photographs, but also to create empathy with the coulple and make them familiar with my presence during the eventfulday. More than getting to know the location, I needed to know who I had before me, to get inspiration which would give me the opportunity to tell the tale of their emotions.

Just by looking at them, I started to believe that Mother Nature had given us a gift of three or four varieties of eye expressions only to be used during that day, the one in which they had decided to bond two individuals forever.

While taking pictures of Lisa putting on her makeup, I thought that all those gestures and movements she will most likely repeat the next day…..but not with the same look on her face.

It is as if some forms that we give to the contours of our eyes are so precious that we use to highlight them only on such important moments of our lives.

This is the idea of “Rare Expressions”, for those who have the fortune to see them and others to be able to wear them, just like their outfit, on such special occasions.

Maybe that is exactly why we should give more consideration to photography, in the most important moments in our lives.

That occasion has to be remembered and looked at over and over again to see our “rare looks” and those too, of our loved ones. Those looks that we could have risked missing because our emotions, in that precise moment, dazzle us from seeing the intensity of them. As the day went on I realised even the mouth and hand movements  could follow the same fate.

It seemed like I was taking photos of smiles that had never been made, and hands that had never been held in such a way. Everything seemed to have been signed for the first time. As if some parts of our body percieve more than others, which could be this precise day, the day of a new begininng.

It came into mind the images of “Your Sunday bests”, the suits and gowns that our grandparents wore on their only day of rest.

There! That’s it! These are the moments in which our eyes, our mouths and our hands are dressed to the nines and show all their joy and then everything is put back into the wardrobe, between the eyebrows, in the interior of the lower lip, along the life line, waiting for the right time to come forth.

We are used to wasting everyday beauty… maybe we are “programmed” in reverse and our body has realized that beauty should be lived and taken in consideration , that the rarity of certain things, what is already beautiful becomes even more beautiful.

Many thanks to Mario and Lisa for their “Rare Expressions”.

[wysija_form id=”1″]

Copyright 2016 © Alessandro Baglioni - AB World Studio - Via Aurelia Nord 219, Grosseto - Tel. +39 335 332889 - P.Iva 01062790538